Garantire le cure mediche ai profughi tibetani – Progetto ONLUS

Puoi garantire il sostegno di cure mediche a circa 1200 profughi tibetani con soli 10 euro al mese


In seguito all’invasione cinese del 1959, più di 120.000 tibetani sono fuggiti dal loro paese e molti si sono rifugiati in India, dove il Governo Indiano ha messo a loro disposizione delle aree incolte nelle quali si sono formate baraccopoli prive dei più elementari servizi.

Nei campi dei profughi tibetani in India caldo torrido, estrema umidità, malnutrizione, lavoro spossante per dissodare i campi, tubercolosi, malaria e altre malattie infettive, sconosciute nei 4.000 metri dell’altopiano tibetano, hanno decimato i rifugiati colpendo specialmente i più deboli, bambini e anziani.

Grazie all’intervento di associazioni umanitarie, la vita in alcuni campi è migliorata molto, mentre in altri le condizioni sanitarie sono ancora estremamente precarie con gravissime conseguenze sulla vita dei bambini e la capacità degli adulti di lavorare per procurare il cibo alle loro famiglie.

Uno dei campi dove la vita è più difficile è Tuting, una baraccopoli di circa 1200 persone nel Nord-Est dell’India, composta da un insieme di 17 gruppi di casupole. Tutta la regione in cui si trova il campo è estremamente arretrata e definita "tribale" dal Governo indiano.

Il piccolo presidio medico del campo conta un’infermiera con due aiutanti (un medico costerebbe troppo) e provvede a tutto: assistenza prenatale, parti, vaccinazioni, incidenti sul lavoro, malattie croniche, infezioni, parassitosi, prevenzione dell’epatite, ecc., distribuendo medicine a prezzo di costo o gratuitamente a chi non potrebbe permettersele.

Nel campo non esiste un medico: quello che si vede nella foto è il dr. Tsering Whangchuk, Ministro della Salute del Governo Tibetano in Esilio, che visita chi può quando va a controllare la situazione in uno delle molte decine di insediamenti dei rifugiati tibetani.

I nostri ministri avrebbero un bel po' da imparare....

Solo i malati veramente gravi vengono portati all’ospedale con una vecchia ambulanza che ha fatto ormai troppi viaggi su strade quasi impraticabili.

Tempo fa Yeshe Norbu ha anticipato tutte le spese di gestione del dispensario per un anno (medicine, stipendi, attrezzature, disinfettanti, manutenzione ecc.) ma ora occorre dare stabilità alla situazione sanitaria del campo per non perdere i miglioramenti fatti.

AIUTACI ANCHE TU

Con soli 10 € al mese puoi adottare un progetto:
l’adozione della salute di 1.200 persone, garantendo a tutti loro una vita più sana e dignitosa.

Per effettuare l’adozione dell’ambulatorio medico di Tuting utilizza il modulo di adesione sbarrando l’apposta casella.
I versamenti possono essere fatti ogni 3-6-12 mesi.
Chi ha già in corso l’adozione a distanza di una persona può unire i pagamenti indicandolo nella causale.

Chi non può sostenere l’ambulatorio in modo continuativo può fare delle donazioni libere cliccando qui

Grazie a nome di tutto il campo profughi di Tuting!