Covid-19 emergenza cibo in Nepal

Progetto raccolta fondi:
Covid-19 emergenza cibo in Nepal


La fragile economia del Nepal  è al collasso e moltissimi sono alla fame, pochi possono permettersi di andare dal medico di base e solo una élite  può accedere all’assistenza sanitaria avanzata, ma il vero problema è il cibo.

distribuzione del cibo alle famiglie nepalesi impoverite dal virus

Il turismo, vero motore dell’economia, non esiste più,  il commercio interno è fermo, quelli che erano emigrati all’estero non vengono pagati e non mandano più soldi alle loro famiglie.

Come sempre accade, le catastrofi  colpiscono più duramente i più deboli, quelli che hanno meno risorse e riserve.

Il Monastero di Kopan, che da decenni è il nostro partner a Kathmandu, subito dopo il terribile terremoto del 2015 ha creato Helping Hands, una squadra di soccorso umanitario che ha fatto miracoli, portando enormi quantità di cibo e di aiuti nei luoghi più impervi, anche sopra i 4000 metri.

Grazie a tutti voi, Yeshe Norbu ha contribuito a questo sforzo con 160.000 Euro.

Il Nepal si stava lentamente risollevando, ma ora la pandemia lo ha colpito con una nuova tragedia.
Il gruppo di soccorso Helping Hands è stato subito riattivato e migliaia di famiglie ridotte alla fame hanno ricevuto pacchi alimentari composti da 30 Kg di riso, 3 Kg di lenticchie, olio di semi e sale, il cibo base con cui i nepalesi poveri sopravvivono.

Poi è venuto un nuovo lockdown con la proibizione di viaggiare, nemmeno per portare aiuti alimentari. All’inizio di ottobre le restrizioni sono state allentate e gruppo dei volontari di Helping Hands ha ripreso la distribuzione di cibo, specialmente nelle remote aree montane dove nessun altro arriva.
DA MAGGIO ALLA FINE DI NOVEMBRE SONO STATI DISTRIBUITI 2000 QUINTALI DI CIBO e lo sforzo continuerà fino a che ci saranno i soldi a sufficienza.


Occorre il vostro aiuto, tutto l’aiuto che potete…

Inoltre il Monastero di Kopan sostiene una mensa dei poveri a Boudhnath, presso il grande Stupa che l’Unesco ha riconosciuto come patrimonio dell’Umanità,  intorno al quale si raccoglievano centinaia di mendicanti per ricevere l’elemosina da pellegrini e turisti, che ormai sono tutti spariti.   

Monaci di Kopan preparano in cibo offerto da Yeshe Norbu ai nepalesi poveri

L’Associazione  ha già mandato in Nepal 20.000 Euro prelevati dal proprio fondo per le emergenze, ma ora occorre il vostro aiuto, tutto l’aiuto che potete…

Il Monastero di Kopan conta 700 persone, che arrivano a 1000 durante i corsi con gli occidentali, quindi compra all’ingrosso da fornitori abituali che non speculano sull’emergenza: un  pacco alimentare con 35 kg di cibo (riso, olio, lenticchie) costa solo 16 Euro, ma ne servono tanti, tantissimi!
E poi bisogna trasportare il cibo fino ai villaggi con camion, a spalla, a dorso di yak e talvolta in elicottero.


Il largo sorriso di questi vecchi è commovente, un pacco di riso li proteggerà dalla fame per un paio di mesi. Sulle vostre donazioni l’Associazione non tratterrà nulla per la copertura delle spese d’ufficio.


Donare è un piacere, non privartene!

In quanto Associazione di Volontariato, tutti i versamenti fatti a Yeshe Norbu onlus sono detraibili fiscalmente al 35%.

Per le altre forme di sgravio per privati e imprese: legge sul Terzo Settore Art. 83, D. Lgs 117/2017. – Per informazioni scrivi a info@adozionitibet.it o chiama 050 685033 (Franco)

Bonifico bancario intestato a Yeshe Norbu Appello per il Tibet o.n.l.u.s. presso
Banco BPM  Piazza della Repubblica 7 – 57016 Rosignano Solvay (LI) IBAN  IT34O0503425104000000002444 Il carattere dopo IT34 è una O e non uno zero!


Versamento sul conto corrente postale 2029 8535 intestato a Yeshe Norbu Appello per il Tibet onlus

Con il Bancomat presso la nostra sede all’interno dell’Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia (PI)

Donazioni sicure al 100% con carta di credito o prepagata tramite il circuito PayPal